Cosa bolle il pentola della Cucina Toscana

[ piatti della cucina toscana sono semplici e genuini, nati da un forte legame al territorio e da materie prime locali di altissima qualità. Ciò che la contraddistingue è l’uso sapiente degli ingredienti generosamente offerti dalla nostra terra: erbe aromatiche e piante selvatiche come il rosmarino, la Salvia. Il timo, il finocchietto e il cipollotto rosso.

Gli antipasti:

La nostra bruschetta o più amichevolmente “fettunta”, è una fetta di pane toscano leggermente arrostita sulla brace. A parte l’aglio, che gli anziani consigliano di strofinare solo sul bordo esterno della fetta arrostita, è soprattutto l’olio extravergine toscano a trasformarla in un’opera d’arte, specialmente a novembre quando l’olio appena portato a casa dalla frangitura è ancora caldo, fragrante, rigorosamente non filtrato e quindi dall’odore molto fruttato e dal sapore amarognolo. Se ne versa un filo sulla fetta abbrustolita e lo si stende su tutta la superficie.

Le bruschette diventano antipasto sfizioso con un tocco di fantasia. Assaggia quelle con salsiccia e gorgonzola, con funghi Porcini della Garfagnana, i classici della Toscana con Fegatini. Ovviamente non può mancare il tagliere di salumi, tra i quali spicca la finocchiona, il salame classico Toscano, il Rigatino, il Capocollo, la mortadella di Prato, Prosciutto Crudo ed inoltre il classico lardo di Colonnata e Prosciutto crudo di Cinta Senese.


I primi:

sono tutti a base di pasta fresca conditi con salse espresse saltate al momento, ragù preparati da me senza dimenticare la classica Ribollita e Pappa al Pomodoro.

I secondi :

Per gli amanti della cucina classica Toscana, il Lampredotto ” non ni panino” Trippa, il cinghiale in umido, la Lepre servita con Polenta, senza sottovalutare il Peposo di bue e la guancia in Stracotto.

La bottega della Brace ” la nostra griglia ” :

Il posto d’onore spetta alla Bistecca alla Fiorentina, tagliata e pesata al momento, da non chiedere cotta. Si passa poi alle Tagliate di bue servite a richiesta con rucola oppure funghi porcini, proponendovi anche i gran piatti di misti composti da maiale e ” Cinta Senese ” classici della Toscana e zona di Siena, senza dimenticare le costolette di agnello a scottadito ed il castrato.

 

I dolci:

Iniziamo con i cantuccini “rigorosamente fatti da me, come il pane” che vengono serviti con Vin Santo. Inoltre facciamo : crema catalana, panna cotta, mascarpone e tiramisù, per ultimo ma non ultimo lo stracchino della nonna. Giornalmente vi proponiamo altri dolci.

L’olio d’oliva:

Il prodotto che più ci contraddistingue in termini di qualità è l’olio d’oliva extravergine, una realtà che viene portata avanti dall’impegno familiare di numerosi contadini, conosciuti da anni della zona detta Piana Pistoiese, dove nessuno ricorrere a tecnologie moderne, le olive ancora si raccolgono a mano, come ai vecchi tempi, nel rispetto della fragilità dell’oliva, di spiccata personalità e pienezza, dal colore verde tenue con riflessi gialli, sapore fruttato, gradevoli note di amaro e dall’aroma intenso d’oliva.

Il vino:

Oltre ai grandi vini, da noi selezionati, rigorosamente zona Chianti il nostro rosso toscano proviene da piccole tenute dove si effettua la vendemmia ancora come una volta con la pigiatura del tinello nel vigneto. Non vanta la nobiltà dei grandi vini Chianti o Montepulciano, ma essendo un prodotto genuino senza alcun tipo di intervento, si presenta al palato con un sapore di pura uva, di sole e della terra toscana

 

Torna su